Home Potatura e forme di allevamento

Potatura e forme di allevamento

Gestire il frutteto attraverso la scelta delle forme di allevamento e di potatura più idonee alle diverse varietà frutticole

gelo

Friuli sottozero, salvi solo i frutteti con antibrina

Gelata notturna in Friuli Venezia Giulia: colpiti frutteti in tutta la pianura. Danni pesanti su melo, pesco, kiwi e forse vite. Peter Larcher (Azienda “Pomis”):«La differenza tra gli impianti di melo con irrigazione antibrina e quelli senza è evidente»

Xylella, nuovi protocolli di convivenza negli oliveti pugliesi

Misure fitoiatriche, gestione del cotico erboso, contrasto all’insetto vettore, potatura periodica: i criteri operativi in corso di applicazione in Puglia nelle aree interessate dal batterio sembrano utili a contrastarne la diffusione e restituire alle piante infette nuova efficienza.

Il gelo si abbatte sui frutteti. Danni imponenti sulle drupacee

Il picco termico e la durata del fenomeno hanno causato gravi danni su molte delle principali colture frutticole. Il prezzo più caro lo pagheranno le drupacee e in particolare le albicocche, che si trovavano già in fase di sviluppo dei frutticini, molto delicati per l'elevata idratazione. Ecco la situazione in Emilia-Romagna e Lombardia
costi produzione nocciolo

Nocciolo, i costi di produzione fanno la differenza

La domanda mondiale in crescita spinge all'espansione delle superfici a nocciolo. Tuttavia, questa coltura sconta una lenta entrata in produzione che si traduce inevitabilmente in tempi di recupero dei capitali investiti piuttosto lunghi
parole

Parole, parole, parole

Come sempre la Rivista di Frutticoltura inizia il nuovo anno editoriale parlando dei due più importanti settori della frutticoltura meridionale italiana: uva da tavola...
albicocco

Albicocco: innovazioni varietali non sufficienti alla redditività

Problemi bio-agronomici, ma anche di organizzazione produttiva
agrumi

Irrigazione degli agrumi strategica per produrre qualità

Gli agrumi comprendono un gruppo di specie capaci di economizzare acqua, superando periodi prolungati di siccità, grazie alla combinazione di fattori anatomici e fisiologici...

E-magazine

Tecniche, prodotti e servizi dalle aziende
E-magazines

Rettangolo

Catalogo Aziende e Prodotti

Un modo semplice per cercare un'azienda o un prodotto!

L'Esperto risponde

I consigli di Terra e Vita agli agricoltori

Bottone #1

Rettangolo piede

AgriAffaires

Acquisto e vendita macchinari agricoli
AgriAffaires

castanicoltura piemontese

Nuova castanicoltura piemontese: impianti intensivi e innovazione varietale

Il Centro Regionale di Castanicoltura del Piemonte è un chiaro e lungimirante esempio di come la ricerca abbia creduto in una specie che, finora, è stata poco considerata dalla frutticoltura moderna, specie rimasta pressoché esiliata all’areale collinare e medio-montano e destinata ad un lento declino. Declino che sarà inevitabile...
offerta pere

Cause strutturali nella crisi 2019: carente l’organizzazione dell’offerta di pere

Dopo la campagna 2019 si rischia di dare tutte le colpe a cimice asiatica e maculatura bruna o al clima che cambia. Manca in realtà anche una forte disciplina produttiva sul piano organizzativo, capace di gestire quantità, qualità, prezzi
pero

Pero, una coltura in allerta. Reagire insieme contro le calamità

La produzione di pere già in fase previsionale, a metà luglio, si prospettava deficitaria a causa di un andamento climatico non favorevole alla coltivazione. Le previsioni di produzione stimate a quell’epoca e basate sulla conta dei frutti in un campione rappresentativo di aziende, indicavano un’offerta 2019 di circa 511.000...
kiwi

Italia e Nuova Zelanda alleati e competitori sui mercati mondiali del...

Due Paesi molto diversi, ma accomunati da un’elevata capacità produttiva e di trading internazionale del kiwi. Prendere spunto dalla Nuova Zelanda in termini di innovazione di prodotto e organizzazione commerciale. Cresce la competizione in entrambi gli Emisferi. Italia troppo lenta nella ricerca di nuovi mercati.
comparto peschicolo

Ultima chiamata per il comparto peschicolo: uscire dalla crisi cambiando strategie

Aggregare la produzione, segmentare meglio l’offerta nei canali di vendita, migliorare la qualità del prodotto, restringe le tipologie produttive alle varietà migliori, rimodulare i finanziamenti europei legati ai piani operativi dell’Ocm: sono alcune delle linee su cui intervenire con urgenza per scongiurare un ulteriore declino della peschicoltura italiana.
fragolicoltura

La nuova fragolicoltura italiana produce tutto l’anno

Una coltura che si è ormai stabilizzata nel Paese, spostando il baricentro delle superfici dal Nord al Sud. Un assetto pluri-differenziato nelle singole regioni dove l’ambiente, i genotipi e la tecnologia di coltivazione hanno generato specifiche identità, con produzioni di eccellenza, anche destagionalizzate.
biologico

Migliorare la biodiversità di frutteti e vigneti collinari in biologico

Bio-cenosi volte ad accelerare la creazione di equilibri stabili tra specie a ridotta competitività. Diserbo selettivo e pacciamature vive con specie erbacee locali per la gestione del sottofilare: una risorsa per la gestione del suolo, il controllo delle malerbe e la creazione di agro-ecosistemi stabili.
Canale Emiliano Romagnolo

I benefici irrigui del Canale Emiliano Romagnolo

Le acque irrigue veicolate dal CER in varie aree centro orientali della regione Emilia-Romagna garantiscono il fabbisogno idrico dell’agricoltura, in particolare delle frutticole che, con le sole precipitazioni, anche nelle annate piovose, o con l’apporto di falda non avrebbero rese e qualità paragonabili a quelle oggi ottenute.

Filiera aggregata per la rivincita delle noci italiane di qualità

Intervista ad Alessandro Annibali, imprenditore agricolo e A.D. di New Factor, fra i primi e principali artefici della nuova nocicoltura da frutto di qualità del Centro-Nord Italia. Suo il marchio “Noce di Romagna”.
css.php