Pericoltura in crisi, Cso: «Il rilancio parte dall’Igp»

pere
Alla profonda crisi che ha coinvolto la frutticoltura emiliano-romagnola negli ultimi 15 anni, con una perdita di oltre 19 mila ettari, si può reagire partendo dal rilancio delle pere, che nella regione hanno il loro maggiore polo produttivo europeo, con un forte sviluppo dell'Igp. Questo è il progetto proposto dal Cso Italy alle istituzioni regionali, al mondo della cooperazione ortofrutticola e alle grandi aziende private

Come reagire alla crisi che sta vivendo ormai da anni l’ortofrutta emiliano-romagnola? Il rilancio deve partire dalla pera, con un forte sviluppo dell’IGP, per arrivare alle altre produzioni regionali. Questa l'indicazione conclusiva dell’incontro promosso questo pomeriggio da CSO Italy, per iniziativa del suo presidente Paolo Bruni, che ha coinvolto le istituzioni regionali al massimo livello, il mondo della cooperazione ortofrutticola e le grandi aziende private. Con il governatore della Regione Stefano Bonaccini e l'assessore regionale all’Agricoltura Alessio Mammi sono interventi Davide Vernocchi, presidente di APO Conerpo e coordinatore per l’ortofrutta di ACI, Marco Salvi, presidente di Fruitimprese e grande imprenditore di Ferrara, Ilenio Bastoni, direttore generale di Apofruit, Luigi Mazzoni del Gruppo Mazzoni, e Roberto Della Casa, professore dell'Università di Bologna.

Un settore in crisi

L’eccezionale convergenza di fattori critici che ha sconvolto quest’anno le campagne ortofrutticole, dai parassiti alieni alle conseguenze nefaste del cambiamento climatico (gelate, trombe d’aria, siccità), ha messo a nudo la fragilità di quello che fino a 20 anni fa era l’asse portante del sistema ortofrutticolo italiano e forse europeo: l’ortofrutticoltura dell’Emilia Romagna. Negli ultimi 15 anni, l’ortofrutta emiliano-romagnola ha perso oltre 19 mila ettari, un’involuzione che ha subito un’accelerazione drammatica negli ultimi anni, con la peschicoltura che da sola in 10 anni ha perso 15 mila ettari mentre le pere, che nella regione hanno il loro maggiore polo produttivo europeo, ne hanno persi 6 mila. Vuol dire un’enorme perdita di valore (un ettaro a frutteto vale quanto 400 ettari a seminativi) e di posti di lavoro (più o meno un posto per ettaro).

Leggi anche: Pere, campagna disastrosa.
In Emilia-Romagna crolla l’Abate Fetel

Passare dall'efficienza all'efficacia

Roberto Della Casa: "Il settore deve passare dall’efficienza, ovvero dal rafforzamento degli elementi di carattere industriale, che si possono dare per acquisti, che sono le conquiste di ieri, all’efficacia, cioè ad operazioni rilevanti, in grado di orientare il mercato, operazioni con il carattere della distintività. La pera IGP dell’Emilia Romagna può essere il catalizzatore di un’operazione rilevante, che potrà tuttavia definirsi tale solo se in grado di controllare una massa importante di prodotto lavorato”.

Marco Salvi ha ricordato la strada già fatta dall’aggregazione produttiva della pera in ambito regionale ma ha sottolineato: "ben venga un grande progetto di sostegno sui mercati esteri e sul mercato interno con l’IGP che dovrebbe diventare il prodotto standard, perché la concorrenza di Paesi come Olanda e Belgio si è fatta strada in Europa e si è persino aperta varchi nel nostro mercato".

Leggi anche: Pere, più che speranze servono azioni mirate

Recuperare la competitività delle imprese

Servono alcune pre-condizioni per invertire il trend negativo, ha sostenuto da parte sua Ilenio Bastoni, a partire dalla competitività che passa da "sgravi contributivi sul costo del lavoro di almeno il 50%, tali da ridurre i costi per ettaro e liquidare ai produttori un 8-10% in più. Se non si recupera redditività per le aziende agricole - ha precisato - non si ferma l'emorragia di ettari. Sulla pera è già stato fatto tanto lavoro per un coordinamento, ciò non toglie che, avendo l’IGP acquisito un nuovo valore sul mercato, proprio dall’IGP si possa partire per puntare più in alto. Bastoni ha consegnato alla presidenza, che l’ha passato al presidente della Regione, un documento sottoscritto con Apofruit da altre aziende come Granfrutta Zani e Agrintesa, sui problemi del settore a livello regionale.

Anche Luigi Mazzoni, pur esprimendo preoccupazione per il calo degli investimenti che ha affetto il settore negli ultimi anni, ha affermato che “oggi l’IGP si può valorizzare e che questa sfida per la pera può essere affrontata".

Leggi anche: Cause strutturali nella crisi 2019:
carente l’organizzazione dell’offerta di pere

L'impegno della Regione

L’assessore Alessio Mammi ha apprezzato il gioco di squadra già dimostrato nel corso del pomeriggio, affermando che al primo punto deve esserci il reddito e la competitività delle imprese. “Dovete aiutarci a scegliere” ha tuttavia aggiunto, assicurando che sull’IGP Pera la Regione ci sarà.

Infine il governatore Bonaccini ha dato il suo imprimatur: “Dobbiamo intervenire prima che la curva di discesa non diventi una slavina, prima che la pera non abbia il declino della pesca. Investiamo sulla pera? Lo avete detto voi. Facciamo un progetto e presentiamolo anche a livello di governo. Portiamo la nostra pera in Cina”. Il governatore ha tracciato lo scenario degli impegni regionali annunciando che a fine settembre presenterà il Patto per il Lavoro e per il Clima, che diventerà un caposaldo della politica regionale per i prossimi anni.

Pericoltura in crisi, Cso: «Il rilancio parte dall’Igp» - Ultima modifica: 2020-07-08T20:20:33+02:00 da Rivista di Frutticoltura e Ortofloricoltura

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome