XII Giornate Scientifiche SOI

giornate scientifiche soi

Quest’appuntamento è particolarmente rivolto ai giovani, con l’intento di fornire loro un ambito di livello internazionale nella presentazione e discussione dei propri risultati. Tra gli argomenti trattati nelle Giornate Scientifiche di quest’anno spiccano le tematiche relative all’innovazione, tanto per gli aspetti legati alla produzione di nuova conoscenza, che per quelli che ne condizionano il trasferimento e l’adozione da parte degli attori delle diverse filiere.

Il programma è alquanto ricco e prevede una giornata “di riscaldamento” in cui si terranno sei workshop (vedere di seguito), dedicati a tematiche diverse, ma tutte di grande interesse. Si parlerò di acqua, aziende sperimentali universitarie, del paesaggio, di post-raccolta, di innovazione varietale e di problematiche legate al mondo vivaistico.

Dal 20 al 21 si terranno una sessione plenaria congiunta, 4 sessioni orali, 2 sessioni poster, oltre ad altri due workshop. Il 21 avrà luogo l’assemblea della SOI, seguita dalla cena sociale, per la quale ci si dovrà registrare a parte. La SOI premierà, come consuetudine, i migliori articoli pubblicati da giovani ricercatori nel periodo 2016-17. Il programma si concluderà il venerdì con una visita tecnica (facoltativa) che toccherà la sede di Forlì del Crea-Ofa nella mattinata, seguita dalla visita allo stabilimento di una OP romagnola.

La registrazione ai workshop è possibile anche separatamente dalle GS, così come è prevista la registrazione a giornate singole. Queste ed ulteriori notizie sul sito soi2018.unibo.it

 

Le aziende agrarie sperimentali delle Università italiane (19 giugno 2018 - 11:00-13:00)

Rino Ghelfi - Raffaele Testolin

Su 25 sedi universitarie italiane con corsi di laurea agro-forestali, 16 dispongono di aziende agrarie. La SOI ritiene l'azienda sperimentale agraria uno strumento insostituibile per la didattica, la ricerca e il trasferimento tecnologico. Il 13 maggio 2016 s'è tenuto a Udine un primo incontro nazionale che ha messo in evidenza le ricchezze e le criticità di queste realtà. Questo workshop vuole continuare alcune riflessioni iniziate ad Udine.

Tre i temi in agenda: presentazione dell'indagine sulle aziende sperimentali agrarie delle università italiane; il ruolo delle aziende nelle nuove lauree professionalizzanti; possibilità di accesso ai finanziamenti pubblici da parte delle aziende (PSR, PON, ecc.).

 

Innovazione dell’irrigazione per un’agricoltura 4.0 (19 giugno 2018 - 9:00-18:00)

Bartolomeo Dichio - Brunella Morandi - Marcello Mastrorilli

Gli effetti dei cambiamenti climatici in atto a livello globale influenzeranno sempre di più le produzioni agricole del nostro Paese. L’elevata variabilità climatica, la riduzione delle precipitazioni, associata alla limitata disponibilità di acqua irrigua e alle elevate temperature estive rappresentano una sfida a cui l’agricoltura italiana deve far fronte. E’ quindi più che mai necessario lo sviluppo e l’applicazione di strategie volte ad ottimizzare, e dove possibile ridurre, l’uso dell’acqua nei vari settori produttivi, dalle colture estensive alle produzioni ortofrutticole.

Questo workshop, organizzato nell’ambito della SOI in collaborazione con la SIA, è aperto a tutti gli attori coinvolti del ciclo dell’acqua irrigua e, pertanto, si propone di riunire rappresentanti del mondo produttivo, fornitori di servizi per l’agricoltura e ricercatori per: i) fare il punto sulle principali problematiche legate all’irrigazione nelle varie zone produttive italiane; ii) condividere lo stato dell’arte delle strategie disponibili per mitigare il problema della scarsità idrica; iii) creare sinergie tra i diversi attori e delineare strategie per lo sviluppo di soluzioni sempre più innovative e sostenibili per il futuro delle colture erbacee ed arboree.

Il workshop rappresenta inoltre l’evento di lancio del Gruppo di lavoro SOI sull’irrigazione. A questo proposito verranno proposte e definite la futura organizzazione e le attività di questo nuovo GdL.

 

Declaratorie, VQR e criteri per il reclutamento (21 giugno 2018 - 15:30-17:00)

Raffaele Testolin

Il workshop si propone di discutere la nuova formulazione della declaratoria del settore scientifico disciplinare (SSD) AGR/03, fondamentale per definire competenze e integrazioni con gli altri SSD. Seguirà una presentazione dei risultati della VQR 2010-14 con indicazioni per la nuova VQR 2015-19 con l'obiettivo di migliorare la performance del gruppo. Infine, si farà una breve riflessione sui criteri di reclutamento nel settore considerando da una parte la necessità di specializzare le competenze di ricerca e, dall'altra, la necessità di avere docenti preparati per i corsi offerti agli studenti.

 

Produzione scientifica, criteri di valutazione e didattica nel settore ortofloricolo: stato dell’arte e prospettive (21 giugno 2018 - 15:30-17:00)

GdL SOI Ricerca e Didattica in AGR04

Il workshop sarà incentrato sui temi dell’Abilitazione Scientifica Nazionale (ASN), della Valutazione della Qualità della Ricerca (VQR) e della ridefinizione della declaratoria del settore scientifico disciplinare (SSD) AGR/04, nonché di quella relativa al Settore Concorsuale 07/B107/B1 – Agronomia e sistemi colturali erbacei ed ortofloricoli. Tali argomenti appaiono di grande interesse, considerando che sia l’ASN, sia la VQR stanno progressivamente influenzando strategie e modalità di pubblicazione, di partecipazione alla vita scientifica e culturale, nonché di trasferimento tecnologico. Altresì la ridefinizione delle declaratorie appare importante in un’ottica di aggiornamento che consideri anche le nuove competenze e attività di ricerca svolte nell’ambito del SSD AGR/04 e la loro integrazione nel settore concorsuale di riferimento.

Inoltre, il workshop rappresenterà l’occasione per illustrare il nuovo testo di Orticoltura edito da Edagricole – Edizioni Agricole di New Business Media srl a cura di Alberto Pardossi, Giorgio Prosdocimi Gianquinto, Pietro Santamaria e Luca Incrocci.

 

Progetti attorno alla coltura promiscua ad alberate (19 giugno 2018 - 14:30-18:00)

Giuseppe Barbera - Rita Biasi

“Lo studio dei paesaggi rurali italiani deve affrontare anzitutto il problema della coltura promiscua ad alberate, che caratterizza una delle più belle campagne che esistano al mondo, e certamente una delle più originali e complesse” (H. Desplanques, 1959). L’antica alberata rappresenta oggi non solo un paesaggio agrario storico residuale, ma una testimonianza viva di una pratica agricola tradizionale ricca di significati e funzioni. In certe campagne ancora le alberate segnano la trama su cui si intessono le tessere a coltura specializzata, costituiscono corridoi di biodiversità e in genere di servizi eco-sistemici. Il workshop ha come scopo il portare l’attenzione su un sistema di paesaggio tradizionale tanto circoscritto, quanto vulnerabile e avviare delle azioni progettuali per la sua salvaguardia in Italia attraverso per un approccio condiviso e concertato.

 

Ricerca e innovazione nel post-raccolta: passato e futuro (19 giugno 2018 - 14:30-18:00)

Antonio Ferrante - Elena Baraldi

La gestione post-raccolta dei prodotti ortoflorofrutticoli è in continua evoluzione a seguito delle diverse opportunità di mercato, sia nazionali che internazionali. La produzione dei prodotti ortoflorofrutticoli è spesso distante dai mercati di commercializzazione e la logistica gioca un ruolo fondamentale insieme alle strategie tecnologiche per conservare la qualità e garantire una buona durata post-raccolta fino al consumatore finale.

Le ricerche sulla fisiologia e la tecnologia post-raccolta dei prodotti deperibili hanno cercato di risolvere problemi legati soprattutto alle nuove opportunità di mercato, come i prodotti di quarta gamma, unitamente alla possibilità di utilizzare sistemi di trasporto a basso impatto ambientale (es. via nave) per raggiungere mercati molto distanti. Il workshop darà spazio al mondo della ricerca, attraverso i contributi dei ricercatori senior del settore che daranno una visione critica di cosa è stato fatto e cosa si dovrebbe fare per migliorare la conservazione dei prodotti nella fase post-raccolta. Inoltre, relatori del modo privato illustreranno quali sono le problematiche attuali del settore ortoflorofrutticolo che richiedono l’attenzione del modo scientifico.

 

La filiera dell'innovazione varietale in frutticoltura: dal germoplasma alla varietà brevettata (19 giugno 2018 - 14:30-18:00).

Daniele Bassi - Stefano Tartarini - Walter Guerra

Nel settore frutticolo, spesso caratterizzato da sovraproduzione, una delle poche strategie per differenziarsi dai concorrenti e rimanere competitivi è l’innovazione varietale. Il workshop rientra nelle attività del Gruppo di Lavoro SOI “Novità varietali” e affronterà diverse tematiche relative all’innovazione varietale in frutticoltura, fra le quali: brevetti ed aspetti legali, caratterizzazione e valorizzazione delle collezioni di germoplasma, breeding classico e nuove tecnologie (NBT), valutazione di nuove varietà e liste varietali. Verranno coinvolti diversi attori della filiera quali vivaisti, organizzazioni di produttori, operatori commerciali e esperti di consumer test.

 

Punti di forza e debolezza per la competitività del vivaismo frutticolo nazionale (19 giugno 2018 - 19:00-21:00)

Alessio Martinelli - Luigi Catalano - Civitalia

Questo workshop concluderà i lavori della giornata, direttamente a seguire il welcome cocktail, previsto per le ore 18:00. Esso vuole mettere a fuoco alcuni degli aspetti più rilevanti per quanto riguarda le attività del settore vivaistico italiano. Verranno trattati gli aspetti legislativi comunitari legati alle problematiche di qualificazione dei materiali di propagazione delle specie da frutto, con particolare attenzione alle emergenze fitosanitarie; le tecnologie diagnostiche delle malattie; i nuovi processi di propagazione delle piante. Verranno anche trattati gli aspetti legati all’integrazione all’interno di bandi competitivi (comunitari, ma anche nazionali) del settore vivaistico come partner scientifico, portatore di particolare esigenze di protezione della proprietà intellettuale.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome