Macfrut sposta l’appuntamento a settembre 2021

Macfrut
Per il 2021, anno internazionale dell’ortofrutta, Macfrut dà appuntamento nel quartiere fieristico di Rimini e sulla piattaforma digitale da martedì 7 a giovedì 9 settembre per quella che sarà un’edizione speciale nel format e nelle proposte. Tra queste il China Day, una giornata interamente dedicata al business con il colosso asiatico

«Ancora una volta Macfrut si fa pioniere di un progetto innovativo che guarda al futuro. C’è tanta voglia nel settore di ritrovarsi di persona, di assaporare quel contatto umano che da troppo tempo ci manca. Contestualmente c’è il realismo di una situazione che ha completamente cambiato il nostro modo di vedere le cose. Macfrut special edition in programma il 7-9 settembre risponde a entrambe le esigenze: presenza fisica e opportunità del digitale. Siamo stati i primi a scommettere su una fiera virtuale nel mondo dell’ortofrutta nel settembre scorso, vogliamo essere i primi a proporre un format innovativo che unisca fisico e digitale» così Renzo Piraccini, presidente Macfrut, ha annunciato il programma per l'edizione di quest'anno.

Non sarà infatti un semplice spostamento di data (in precedenza era previsto il 4-6 maggio), bensì una “Special edition” che unisce l’insostituibile ruolo di fiera di business e relazioni umane in presenza, con le opportunità offerte dal mondo digitale per ampliare il proprio raggio d’azione commerciale oltre i confini. Un format innovativo, dunque, che mette in campo il know-how di 37 edizioni fieristiche per i professionisti del settore, a cui si aggiunge l’esperienza pionieristica del web sperimentata con successo nella prima edizione di Macfrut Digital. Nel concreto chi prende parte a Macfrut 2021 oltre allo stand in fiera raddoppierà la presenza con uno stand virtuale anche in piattaforma digitale ampliando così le possibilità di business in entrambe le direzioni.

Tanti Focus Point

Contestualmente alla parte commerciale, Macfrut special edition propone una serie di focus point sul mondo dell’ortofrutta. A partire dalla Sardegna Regione partner, area del centro del Mediterraneo che si caratterizza per le produzioni agricole di qualità come il carciofo spinoso di Sardegna Dop e lo Zafferano di Sardegna Dop.

Un grande evento sarà dedicato al Biosolutions International Event, dedicato alle filiere dei biostimolanti e del biocontrollo. L’evento si articola in un Salone internazionale riservato alle aziende che producono biostimolanti e rivolto agli imprenditori agricoli e ai tecnici del settore. Accanto alla parte espositiva sono previste visite guidate e il Congresso Internazionale dedicato all’incontro fra le filiere produttive del Mediterraneo ed il mondo dei biostimolanti.

Una delle novità più dell’edizione 2021 sarà l’Italian Retailer Business Lounge, un’area esclusiva all’interno della fiera dedicata a Gdo e distributori italiani, per incontri mirati con gli espositori fissati attraverso un apposito programma di matching in collaborazione con Think Fresh di Agroter.

Un’altra novità è rappresentata dalla quarta edizione di International Asparagus Days per la prima volta in contemporanea a Macfrut. Si tratta di un focus dedicato a tutta la filiera dell’asparago con una parte espositiva che ospiterà aziende specializzate e una parte convegnistica con aggiornamenti tecnici e commerciali sul settore.

Infine, ma non meno importante, i B2B Meeting Agenda con la possibilità per i visitatori di gestire il proprio tempo in fiera pianificando gli incontri tramite lo stand virtuale in dotazione a tutti gli espositori che aderiscono all’iniziativa: gli incontri potranno essere organizzati on-site per coloro che partecipano fisicamente alla manifestazione, oppure online per chi si collega da remoto. Gli espositori possono inoltre preparare in anticipo la propria agenda di incontri fissando appuntamenti con buyer internazionali appositamente selezionati.

La Cina sceglie Macfrut

Negli stessi giorni contestualmente si svolgerà Fieravicola, la Fiera internazionale delle attività avicunicole, e lunedì 6 settembre invece si svolgerà un grande evento esclusivamente dedicato al business con la Cina: The China Day. 

MacfrutGrazie ai positivi risultati della scorsa edizione di Macfrut Digital quando il padiglione cinese ha avuto circa 120.000 visite e l’ammontare degli ordini ricevuti dagli espositori ha superato i 10 milioni di dollari, ATPC (Agricoltural Trade Promotion Centre), l’Ente governativo cinese per la promozione dei prodotti agricoli ha deciso di puntare decisamente su Macfrut.

The China Day vedrà la presenza di oltre 100 aziende cinesi e di numerose imprese internazionali desiderose di proporre i propri prodotti e servizi alla Cina. Tutti gli stand saranno visibili in tre lingue: italiano, inglese e cinese. Gli incontri B2B saranno accompagnati da un servizio di interpretariato a disposizione di espositori e buyer. Insieme alla parte commerciale sarà realizzato anche un Forum Italia-Cina sulle opportunità di business sulla filiera dell’ortofrutta.

Quattro le peculiarità dell’adesione cinese nel China Day. Prima di tutto numerica con una presenza decisamente in crescita, dalle 87 imprese della prima edizione a oltre un centinaio il 6 settembre. In secondo luogo di qualità, con il Centro di promozione del commercio agricolo del Ministero dell’Agricoltura cinese che selezionerà solo le imprese premium. E ancora, una maggiore quantità di prodotti ortofrutticoli cinesi esposti. Infine, l’ipotesi di una presenza espositiva direttamente a Macfrut nel caso la situazione sanitaria fosse sotto controllo.

«La Cina sceglie Macfrut come fiera di riferimento per il suo business ortofrutticolo – spiega Renzo Piraccini – Con questo progetto raccogliamo quanto seminato nella prima edizione di Macfrut Digital che aveva visto una massiccia adesione di imprese cinesi. Soddisfatti della fiera, il Centro di promozione del commercio agricolo del Ministero dell'Agricoltura della Repubblica Popolare Cinese ha deciso di rilanciare con un progetto ancora più importante che rappresenta una grande opportunità per le aziende italiane per fare business con il grande stato asiatico».

«Nel corso degli anni, Macfrut è diventata una delle più influenti fiere ortofrutticole d’Europa e dell’area mediterranea – afferma Ma Hongtao direttrice del Centro di promozione del commercio agricolo del Ministero dell’Agricoltura e degli Affari rurali – Insieme con l’eccellente contributo congiunto fra Cina e Italia all’approfondimento e al rafforzamento continuo del progetto ‘Belt and Road’ e con l’incessante espansione degli scambi agricoli e del commercio di prodotti dell’agricoltura tra i due paesi, Macfrut seguiterà ad essere un importante ponte di collegamento tra i mercati di Europa e Cina. La sua capacità di innovazione nel campo dei servizi relativi ad acquisti internazionali, scambi commerciali, matchmaking accurati, ecc. la farà certamente diventare un'importante piattaforma per gli scambi del settore ortofrutticolo a livello mondiale».

 

Macfrut sposta l’appuntamento a settembre 2021 - Ultima modifica: 2021-02-05T16:58:50+01:00 da Rivista di Frutticoltura e Ortofloricoltura

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome