Orticole in aumento

Prezzi dei prodotti ortofrutticoli (dal 23 al 30 agosto 2010)

La settimana di contrattazione ha visto andamenti anche contrastanti. Per le orticole si è notata una certa tendenza all’aumento, che si è concretizzata su prodotti quali le bietole, i cavolfiori (forte l’importazione anche dal Nord Europa) e soprattutto tutte le tipologie di pomodoro.

La settimana di contrattazione ha visto andamenti anche contrastanti. Per le orticole si è notata una certa tendenza all’aumento, che si è concretizzata su prodotti quali le bietole, i cavolfiori (forte l’importazione anche dal Nord Europa) e soprattutto tutte le tipologie di pomodoro. In calo, si può dire “fisiologico”, prodotti quali i fagiolini (-1/1,2 euro in due settimane). Differente la situazione nel settore frutticolo, ove si è registrata una netta diminuzione del consumo di pesche e nettarine con conseguente calo anche drastico dei prezzi – sui mercati, con merce di alta qualità i danni sono stati limitati, più drastico il calo nelle contrattazioni con le grandi catene della gdo sia nazionale che estera. In calo anche le susine. Si attende l’esordio delle principali varietà di pera (Abate).

Nei dettagli
: per le orticole si notano alti e bassi per i radicchi (i chioggiotti la scorsa settimana sono di molto aumentati (+50 cent kg) per poi perdere parte dell’aumento (lunghi a 2,20-2,30 euro kg, cicoria bianca Milano a 0,80-1 euro kg). I peperoni hanno differenze di prezzo a seconda della provenienza – i prodotti campani costano circa 25 cent in meno rispetto a quelli veneti.

Il commento completo e i prezzi dei prodotti ortofrutticoli su Terra e Vita.
Per abbonarsi: http://www.agricoltura24.com/agricoltura/p_1076.html

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome