Contro la crisi del castagno, settore strategico da rilanciare

castagno
Castagne.
Un tavolo promosso dalla Regione Campania propone alcuni interventi

Il crollo della produzione castanicola campana ha superato quest’anno il 90% e per arginare la crisi e rilanciare il comparto della castanicoltura diventa urgente prevedere una serie di interventi.
A questo proposito, come ci riferisce Franco Alfieri, consigliere del Presidente della Regione Campania per l’Agricoltura, Foreste, Caccia e Pesca, l’istituzione del “tavolo castanicolo regionale” vede riuniti associazioni, organizzazioni, tecnici, ricercatori e singoli operatori del settore per discutere delle problematiche della filiera e confrontarsi sulle possibili azioni da avviare; un’iniziativa di forte significato strategico e politico per risolvere tutte le questioni ancora aperte sul castagno da frutto.
“Una prima proposta” – dice Alfieri – “riguarda la modifica della LR 11/1996 per consentire al castagneto da frutto di essere considerato impianto agronomico a tutti gli effetti, con possibilità per le aziende anche di poter accedere a tutte le opportunità offerte dal PSR Campania 2014-‘20. Ovviamente, il lavoro puntuale da fare sarà quello di regolamentare nel merito le condizioni per definire ciascun impianto come frutteto agronomico in base all’altimetria, alla pendenza, alla densità delle piante e così via”.

Leggi l’articolo completo su Frutticoltura n. 1/2017 L’Edicola di Frutticoltura

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome